Parliamo di Psiché

Torna indietro

Lo ruolo dello Psicologo nei Disturbi di Apprendimento

"Ciao...mi chiamo Carlo, ho 8 anni e sono un bambino con DSA. Ho saputo solo ieri di esserlo, me lo ha detto, con un grosso sorriso la mia mamma. Quando l’ho saputo, ho avuto un po’ paura e così ho detto alla mia mamma che stavo bene, che non sentivo dolore in nessuna parte del corpo. Poi le ho chiesto: “Se ho un DSA dovrò prendere medicine, fare le punture?”.
La mamma mi ha sorriso, ancora una volta, poi si è inginocchiata per potermi guardare negli occhi e mi ha rincuorato dicendomi: “Cucciolo tu non stai male e non dovrai mai prendere nessuna medicina”.
Poi tenendomi le mani mi ha spiegato il significato di DSA. Mi ha detto che l’apprendimento avviene nel cervello e che nel cervello entrano tutte le cose che vediamo, sentiamo, studiamo e che si chiamano informazioni. Tutte queste informazioni arrivano e si muovono nel nostro cervello su percorsi che assomigliano a delle autostrade e queste autostrade sono percorse da moltissime macchine. Funziona più o meno così: queste macchine trasportano le informazioni verso le diverse zone del cervello e vanno velocissime.
Ho pensato “WOW”.
Poi ci sono tanti garage per ogni tipo di cosa da imparare. Garage per le parole, per i numeri, per i nomi, ecc.
Ogni volta che si impara una cosa nuova una macchina trasporta quella informazione nel suo garage.
Quando si ha un DSA alcune autostrade (solo alcune) non sono libere e quindi è facile che si formi una lunga coda di macchine, si resta un po’ bloccati nel traffico. A volte la coda si forma anche fuori il garage e questo comporta gli errori: si possono saltare delle sillabe nelle paroline, confondere alcune lettere, confondere il + con il x...e tutto diventa più complicato!
“ Ok ho capito mamma. È un problema di traffico!”
“Si ma si può trovare una soluzione. Sai come fa papà quando, accompagnandoti a scuola, trova la strada piena di traffico? Lui risolve prendendo quella scorciatoia che in pochi conoscono. Ecco così dovrai fare tu, dovrai trovare la tua (e solo tua) scorciatoia per non perdere tempo in autostrade affollate.
E ricordati, però, che per trovarla dovrai essere coraggioso e giocare con la creatività...così imparerai modi nuovi e più divertenti per far muovere con velocità le tue macchine!”
Ora ho capito finalmente che cosa vuol dire DSA. Certo sono ancora un po’ confuso, ma non ho più paura.
La mamma mi ha anche detto che molte persone con DSA sono diventate famose per aver fatto qualcosa di straordinario, alcuni hanno vinto anche un premio Nobel... Che figata!
Non ho paura perché la mia mamma lo dirà alla maestra e sono sicura che anche lei mi aiuterà a far andare le mie automobiline in modo ordinato, nelle scorciatoie che troveremo insieme. Perché la mia maestra è una forza con la creatività...e tornerò ad imparare, divertendomi.
Ciao... sono Carlo, ho 8anni e ho un DSA... ma per gli amici sono solo Carlo..."

 

Cosa puo’ fare di piu’ lo Psicologo in una storia del genere?

Lo Psicologo ha gli strumenti per lavorare con il bambino "oltre" il semplice aspetto formativo accompagnandolo nella crescita e nello sviluppo delle componenti "emoltiva e motivazionale". Molto spesso, nel casi di D.S.A., l’attenzione ricade esclusivamente sull’abilità tralasciando il vissuto emotivo del bambino. Lo Psicologo opera su tutti i fronti per un benessere globale del piccolo e della famiglia.